Silhouettes (ombre cinesi)  
 
 
 
 
 
 
Silhouettes
 

 

Questa tecnica si basa sull’impiego di figure di cartoncino nero ritagliate e poste in modo opportuno sugli sfondi, normalmente bianchi o comunque molto chiari; il risultato è che le figure sembrano come in controluce, dando al prodotto finale un’atmosfera morbida e molto particolare.

La più grande artista in questa tecnica è stata sicuramente Lotte Reinger, autrice di un numero molto elevato di lungometraggi fra cui Die Abenteuer des Prinzer Achmed, Carmen e L’elisir d’amore, rimarchevoli per il senso di delicatezza, raffinatezza e fragilità delle filigrane animate che vi recitano.

 

 


 

 

Mosaico
 

 

La tecnica del mosaico possiede molti punti in comune con quella delle silhouettes; anche in questo caso i soggetti vengono disegnati su cartoncino e ritagliati, ma a differenza delle filigrane delle ombre cinesi, presentano la colorazione, spesso molto vivace. Esempi tipici di questa tecnica sono i cortometraggi ed i mediometraggi realizzati da Giulio Giannini e da Emanuele Luzzati (Italia, anni 1970) come Pulcinella, La gazza ladra, Il flauto magico e L’italiana in Algeri. Queste opere sono pervase da un’ingenuità che esercita un’azione liberatoria sulla fantasia, grazie anche al commento sonoro fornito dalle omonime musiche di Rossini.

 

 

 

 
 
Ritorna a


Inviate i vostri suggerimenti, consigli, critiche e commenti a:
 
Luca Fava

 
Autore: Luca Fava (Copyright © 1997)